racconti erotici lesbici mia moglie , la lesbo , ed io

751
Share
Copy the link

racconti erotici lesbici

racconti erotici lesbici La trappola
E venne il giorno di far scattare la trappola . giulia . mia moglie, era tesa come una corda di violino .
l’ho abbracciata tenendola stretta e baciandola dolcemente ‘ oggi la mettiamo in trappola ‘
‘ che bel bacio , quando vuoi sei delizioso ‘ e si strusciava su di me come una gattina in cerca di affetto’.sono sceso in taverna ho preparato la panca per stendermi e fare ginnastica . lo facevo con molto impegno , quasi volessi essere un macho sudato . quando &egrave arrivata la lesbicona . e mi ha visto all’opera , mi ha salutato freddamente , forse sperava di essere sola per gustarsi mia moglie , non sapeva cosa l’aspettava . si sono messe a dipingere del vetro , ma lo sguardo di lei cadeva sovente su di me , sbuffavo di proposito , mugolavo fingendo sforzi sovrumani e mia moglie
‘ gigi ti prego non stancarti molto , stanotte vorrei fare l’amore , ma se consumi tutte le forze cosa mi dai stanotte il cazzo molle ? ‘
era un linguaggio inusuale per giulia . dopo un po’ con la scusa che ero sudato , mi sono tolto calzoncini e mutande , avevo il cazzo impennato da far paura . giulia ha preso per mano la lesbica portandola accanto a me ‘ gigi sei il solito macho , fatichi ma il cazzo &egrave sempre in piedi ‘ e si &egrave abbassata per darle una succhiatina , lo faceva con piacere , se l’&egrave sfilato dalla bocca porgendolo alla lesbica ‘ assaggialo , quando &egrave così duro &egrave bello succhiarlo , mi riempie tutta la bocca , racconti erotici professoresse se vuoi succhiarlo ti autorizzo ‘ ancora una volta mi meravigliavo del linguaggio di giulia . l’ha presa per mano ‘ assaggialo ‘ le ha dato qualche succhiata ma con molto distacco . intanto giulia si era spogliata , com’era bella nuda forse la tensione le aveva fatto inturgidire i seni ed io per completare la commedia
‘ giulia vieni qui , hai le tette turgide , fammele assaggiare ho proprio sete del tuo latte ‘
ci siamo fatti l’occhiolino ‘ succhiamele bene ho proprio voglia ‘ facevo sparire e capezzoli in bocca , spremevo i seni , li soppesavo”la lesbicona non ha più resistito e quasi implorante
‘ giulia vorrei succhiarti un po’ anch’io , sei così bella lasciati baciare la passerina ‘
giulia , stendendosi sul tappeto , ha divaricatole gambe , devo ammettere che era molto sensuale la mia dolce giulia , lei si leccava la lingua sensualmente , l’ha accarezzata poi si &egrave inginocchiata a
gambe larghe ammirando la figa
‘ hai una fighetta splendida ‘ l’accarezzava , la palpava da vera intenditrice , la massaggiava . l’ha riempita di bacetti , ha aperto le grandi labbra baciandola in profondità . se la lappava da ingorda , la baciava tutta tenendola aperta , ansimava , era in piena goduria , la teneva per i fianchi , strusciava la lingua e succhiava , succhiava’.

racconti erotici lesbici

non ho più resistito e come una furia le ho piantato il cazzo di sasso nella figa .non se l’aspettava e con gridolini tentava di divincolarsi . le sculacciavo con violenza il culo , ero furibondo

‘ brutta lesbica maledetta ti faccio passare la voglia di baciare e leccare la figa di mia moglie , ti rompo la figa e anche il culo , altro che venire a dipingere tu vuoi solo lesbicare con mia moglie brutta troia , troia , puttanaaa ‘

la violenza , specie con le donne , non l’ho mai usata . ma vedere quella troia godere con una donna mi ha fatto perdere il lume della ragione . l’ho chiavata nel vero senso della parola , credo di non aver mai spinto il cazzo così violentemente in una figa ‘
la troia godeva incitandomi a chiavarla , arretrava per gustarsi il cazzo , l’ho sfilato per sbatterglielo nel culo . ho sentito un urlo belluino
‘ nooo , ti prego nel culo nooo , non l’ho mai preso me lo rompiii ‘ l’ho inculata bestialmente sborrandole in culo tutta la mia rabbia . mi sono sfilato , ansimavo come un toro non per la fatica ma per la rabbia . giulia ha assistito quasi impaurita alla mia sfuriata , l’ho stretta a me cercando
di consolarla , le baciavo il viso dolcemente’.appena mi sono calmato
‘ e adesso vai fuori dai coglioni e per sempre da casa nostra e se ti presenti ancora tappezzo la tua casa di manifesti dicendo che sei una troia e lesbica ‘
si &egrave vestita con rabbia uscendo di corsa .
mia moglie era sconvolta . ‘ gigi non ti ho mai visto così arrabbiato , sono stata al gioco ma se sapevo come ti saresti incazzato non mi sarei prestata ‘
mi sono seduto in poltrona accogliendo giulia in braccio
‘amore mio non mi sarei immaginato che fosse così affamata racconti di donna , che schifo , l’ho inculata con così tanta rabbia che le avrò fatto male , saranno cazzi suoi , anzi culi rotti suoi ‘
giulia &egrave stata per un po’ assorta nei suoi pensieri , poi con uno sguardo dolcissimo .
‘ grazie gigi , non potevi darmi una dimostrazione d’amore così grande , lo abbiamo fatto come uno scherzo , ma nella tua furia ho visto solo amore per me ‘ ci siamo baciai ,slinguati , palpati e la voglia ci ha travolto . avevo il cazzo impazzito .
‘ non toccarlo . &egrave stato nel culo di quella troia , racconti erotici matura prima vado a lavarlo con la candeggina e poi se lo vuoi te lo dono ‘ mi ha preso per mano sorridendo divertita ‘ te lo lavo io e poi me lo gusto ‘
siamo andati sul nostro lettone , aveva il viso sorridente e felice
‘ stenditi , hai fatto tanta fatica , ti sei arrabbiato , ti faccio rilassare ‘
si &egrave stesa su di me massaggiandomi con i seni , mi accarezzava il cazzo , lo baciava , lo slinguava
‘ io lo posso fare ? ‘ e ha riso divertita ‘ ti amo , sei tutto mio , ti amo ‘ avevo il cazzo impennato
&egrave venuta a cavallo e tenendosi la figa aperta &egrave scesa sul cazzo con una lentezza esasperante . più scendeva più i suoi occhi s’illuminavano . arrivata in fondo con i muscoli vaginali me lo stimolava ,
si &egrave abbassata per baciarmi . mentre ci baciavamo glielo facevo pulsare nella figa .
‘ sììì gigi così , sei magico, mi sembra di tornare con la memoria alla prima volta che abbiamo fatto l’amore hai fatto proprio così ‘
‘ giulia scusami se ti ho fatto soffrire , non pensavo che quella fosse così lesbica , che schifo ‘
‘ adesso pensiamo a noi fammi godere e cancelliamo quella brutta esperienza , chiavami ma non con la rabbia con cui l’hai inculata poco fa ‘
‘ il mio amore merita solo dolcezza , tenerezza ed una bella sborrata purificante ‘

il resto ve lo lascio solo immaginare ,vi dico solo che ne abbiamo fatte più di una”.

P.S. mi scuso per il linguaggio un po’ volgare’ non &egrave mia abitudine , ma &egrave stata una scena nauseante’..che purtroppo abbiamo provocata giulia ed io

Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.